giovedì 22 settembre 2011

Trasferimento immagini (tutorial)

Salve a tutte
... e scusate se ci ho messo un pò a preparare questo post.
Premetto che ciò che sto per mostrarvi 
è quello che io ho sperimentato e capito del metodo di Laurie (Heaven's Walk)
... anche se temo di dover ancora fare pratica!


.

Questo (sopra) è l'unico altro elaborato che sono riuscita a produrre.
Ma passiamo all'occorrente:
servono oggetti da usare come basi per accogliere le stampe,
va bene di tutto dai vasi di terracotta spolverati di colore...


a vecchie grucce tinte di bianco,


a pezzi di parquet ... se non si ha tempo di cercare altro,
ma si ha voglia di cimentarsi!
(volevo vedere come veniva su un colore che non fosse bianco)


E ovviamente serve lei, la protagonista,
la mitica colla MOD PODGE!
Dove l'ho trovata?
Certo non in giro per negozi
(nonostante i mille tentativi!)
ma come sempre su internet!
Attenzione perchè ce ne sono di tanti tipi: quando la acquistate controllate che l'immagine sia esattamente come la mia (io avevo studiato l'immagine di quella di Laurie)
Questa è di medie dimensioni, ma vi assicuro che ne avrò a sufficienza per una vita.


Poi sono necessarie le immagini.
Per chi non lo conoscesse, vi consiglio il bellissimo blogThe graphic fairy
che regala immagini vintage di ogni tipo: a colori, seppiate, o in bianco e nero.
Alcune sono già a rovescio,
altre dovranno essere riflesse orizzontalmente da voi con photoshop.
In genere si usa la stampante a getto d'inchiostro
(ma Laurie dice che forse viene anche con la laser. Bisognerebbe provare!)


Ritagliate l'immagine che vi piace senza lasciare intorno troppa carta
... è tutta da togliere, meglio non sprecare energie!


Con un pennello stendete la colla Mod Podge sull'immagine,
dalla parte della stampa!


e posizionatela sul punto in cui volete il decoro.


Ora vi tocca la parte difficile: aspettare...


...tutta la notte ... o il giorno.
Bisogna essere sicuri che sia ben secco!


Ora la carta è pronta per essere staccata.
Inumiditela con una spugnetta


e lasciate agire un attimo l'acqua.
(non so perchè, ma alcune volte a me l'immagine sbava leggermente in questa fase, mentre altre no!
Ho notato che lo fa di più quando c'è più inchiostro
perchè il disegno ha un tratto più spesso o più elaborato. Mah!)  


Delicatamente, con il dito (e noterete la finezza delle mie unghie in tinta con il parquet!)
cercate di grattare via la carta.
Formerà come dei riccioli o filamenti, sono i vari strati del foglio di carta che si staccano.


E' un lavoro graduale in cui vi batterà il cuore per la paura di fare un danno.


Lentamente... strato dopo strato...


Ma fino a quando?
Se togliete troppo, come ho fatto io sotto,
viene via anche la scritta. Acc!
Ma se grattate poco ci rimane la carta e una volta secco
riemergerà una parte bianca antiestetica e visibile soprattutto sulle basi colorate


Potete sempre consolarvi convincendovi che in fondo è più shabby
ed è piacevole ugualmente... fa più brocante! 


A parte gli scherzi, io vi consiglio, se siete in dubbio, di aspettare che asciughi,
poi se non siete soddisfatti, inumidite di nuovo e cercate di togliere altra carta.
L'immagine comunque da bagnata non deve apparire grigia, ma di un nero brillante.

Considerate invece che, asciugando, si schiarisce. 


Io la carteggio di solito con carta finissima per toglierle il pelo (tipo 400)
Poi finisco il tutto con finitura per acrilici
ma penso vada benissimo anche un'altra mano di Mod Podge che ho letto impermeabilizza pure.
Allora l'immagine riprenderà brillantezza e il nero tornerà ad essere nero.


(Sopra si vede la carta ma solo perchè è ancora bagnata)

E adesso sbizzarritevi.
Tocca a voi!!!
Potete sperimentare di tutto!


(Il mio loghetto è un pò rovinato,
ma solo perchè la gruccia era piuttosto irregolare in quel punto)

Resto a vostra disposizione
felice se posso essere utile a qualcuno.
A presto


Monica




18 commenti:

  1. Molto interessante, mi piacerebbe provare!!! Grazie per i consigli!! Anna.

    RispondiElimina
  2. Interessante tecnica e grazie della traduzione, so che con la stampante a getto si posso trasferire le immagini con la triellina.

    Grazie e notte Irene

    RispondiElimina
  3. Minire 71: io con la trielina ho provato... ma non è successo niente, nessun trasferimento! Avrò sbagliato qualcosa!

    RispondiElimina
  4. Cara Monica, grazie per i tuoi preziosi consigli! Anni fa ho fatto delle cosine, con découpage pittorico,ma questa tecnica è molto più raffinata.Ho smesso per dedicarmi alla pittura su porcellana e ai gioielli, ma ora mi hai fatto ritornare la voglia.Un bacio.Natasha

    RispondiElimina
  5. davvero 'tosto' questo tutorial,sei stata come sempre precisa e professionale!!!mi manca solo una cosa,il tempo e lo spazio per dedicarmici con calma!!!!ma non mi do per vinta!
    bissou,Marika

    RispondiElimina
  6. Ottimo tutorial! Hai spiegato tutto benissimo Monica, grazie mille!
    Il problema di togliere la carta è lo stesso nel trasferimento d'immagini su pasta sintetica, bisogna agire veramente con molta delicatezza e a volte non basta ancora, perchè il disegno si rovina lo stesso...grrrrr!
    La pazienza è la virtù dei forti...e anche dei creativi mi viene da dire ^_^
    Baci e buona giornata!
    Claudia

    RispondiElimina
  7. Monica io avevo provato tantissimi anni fa con le immagini dei quotidiani, però mi hanno detto che trasferisce solo le immagini stampate a getto di inchiostro e non quelle a stampante laser.

    Se trovo il barattolo che aveva mia mamma provo e ti dico.

    Ciao Irene

    RispondiElimina
  8. Oh che bel tutorial Monica! grazie, queste tecniche mi incuriosiscono sempre!
    un abbraccio!
    donata

    RispondiElimina
  9. Oh Monica che bello!!!! Non ho mai provato ma mi attira moltissimo...chissà intanto mi salvo il tutorial
    ciao Grazia e.... grazie

    RispondiElimina
  10. Il tutorial è interessantissimo...anche se poi la complicazione di acquistare il prodotto su internet...già ha frenato il mio entusiasmo...speravo esistesse un prodotto anche da noi...vabbè pazienza...
    grazie per la visita e il commento
    Bacio
    Mari

    RispondiElimina
  11. Wow, era da un po' che non passavo, ma diventi sempre più brava.... complimenti.
    Un abbraccio
    Erika

    RispondiElimina
  12. Grazie Monica, sei stata chiara e precisa.
    La tecnica è molto interessante, proverò a fare qualcosa. Se scopri come sostituire la strana colla di Laurie con qualcosa di più facile reperimento, fammi sapere.
    Buon week end,ciao

    Viviana

    RispondiElimina
  13. MOD PODGE!! Ma allora esiste!! E' il primo barattolo che vedo da questa parte dell'emisfero!
    Nelle Americhe ci fanno tutto col MP, dal minestrone ai tetti delle case, ed io fremo dalla voglia di farmene portare un barattolo dalla prima amica americana che viene da queste parti...
    Avevo letto anche del trasferimento di immagini col Citrasolv, prodotto per pulizia anche quello targato US. Sarebbe interessante scoprire quale è il principio attivo che agisce sull'inchiostro toner, e vedere in quali prodotti italiani è possibile reperirlo.
    Grazie per il tuto!
    D

    RispondiElimina
  14. ho trovato questo tue post WOW spero di riuscirci!!! Grazie per il tutorial ed il link, mi sono tanto divertita per come descrivi tutto!!!! baci barbara

    RispondiElimina
  15. ma questa pod ma dove caspita lhai trovata??? io è un anno che trovo ma nisba! solo internet e con spese di spedizione che mi fan cadere le braccia!! *_*..un Kiss!

    RispondiElimina
  16. Ciao Monica, ma tu che le sai tutte, o quasi, sai anche se questo metodo si puo applicare sui metalli?
    io sono 'una chiavica' in disegno e stampare direttamente sulle lastine di rame non sarebbe male. ho cercato qualcosa sullo stamping ma ho idee confusissime. puoi aiutarmi in qualche modo?
    grazie mille e complimenti per il blog!!
    manu

    RispondiElimina
  17. Ti chiedo, Monica, se posso trasferire
    foto e/o gigantografie di rettamente su ...PARETE ...(meglio se ..esterna?)
    vorrei trasferire dei "frattali" ... e nn ho idea D i Y ..?
    pensi regga in pareti esterne ..? ... Dò x scontato ke nn ci sn problemi x interni...no?
    Thx, xyxyx

    RispondiElimina
  18. Buongiorno...ho letto con molta attenzione ogni riga e devo dire che questo prodotto l'ho visto in rete diverse volte ma entrando nello specifico, il trasferimento immagini migliore (dicono) si fa con il gel medio (di facile reperibilità)e soprattutto stampa LASER. Io a giorni proverò quest'altra tecnica. Se qualcuna di voi si è già cimentata mi faccia sapere.
    Stefania

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...